COMBUSTIBILI FOSSILI
E RINNOVABILI

L’ uso di biocarburanti e biomasse in sostituzione di fonti energetiche di origine fossile viene da tempo considerato un tassello importante nella lotta ai cambiamenti climatici tanto che l’Unione Europea e numerosi Governi nel mondo hanno fissato per i prossimi anni elevati obiettivi in termini di utilizzo dei biocombustibili, specie quelli derivati da scarti dell’industria agro-alimentare, e introdotto incentivi fiscali per favorirne la diffusione. 

Sensibile alle esigenze del mercato, i Laboratori ARCHIMEDE da sempre sostenitori della bioeconomia, hanno accreditato analisi per la verifica della qualità e della conformità delle biomasse alle specifiche di legge. 

Sulle matrici biocombustili (wood-chips, paglia, pallets, PKS, biomasse legnose, sansa, oli vegetali ed altri residui dell’attività agricola e agroalimentare) si eseguono le seguenti determinazioni:

  • Analisi elementare CHNS (carbonio, idrogeno, zolfo, azoto)
  • Analisi metalli
  • potere calorifero superiore e inferiore (PCS e PCI)
  • ceneri e fusione delle ceneri (temperature e diagramma di fusione)
  • umidità, densità, punto d’infiammabilità
  • analisi di biogas e syngas
  • Analisi e Classificazione dei combustili da rifiuto (CDR) e combustili solidi secondari (CSS)